“Un importante passo avanti che apre nuove opportunita’ di crescita per le imprese agroalimentari europee e in particolare per le produzioni di qualita’ italiane”. Queste le parole di Paolo De Castro, presidente della Commissione Agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento europeo alla notizia della conclusione dei negoziati sul libero scambio tra Unione europea e Canada.
“Per il nostro Paese – ha proseguito il presidente Comagri – e’ storico il riconoscimento da parte di Ottawa della tutela per parte delle produzioni di qualita’ DOP e IGP, con la possibilita’ di estendere l’elenco dei prodotti ammessi nei prossimi anni. L’accordo siglato oggi testimonia che la coesistenza tra sistemi di tutela dei marchi molto diversi come quello canadese ed europeo e’ possibile, come anche superare i tradizionali motivi d’impasse che negli anni hanno ostacolato questo genere di negoziati. Emblematico il caso del Prosciutto di Parma che, dopo vent’anni, potra’ finalmente essere commercializzato nel paese nord americano e importanti novita’ sono previste anche per il settore lattiero-caseario che vedra’ incrementare il proprio volume di esportazioni. L’auspicio – ha concluso De Castro – e’ che l’accordo di libero scambio Ue-Canada possa fare da modello al negoziato Ue-Usa che dovrebbe riprendere il proprio iter dopo il blocco a causa dello shutdown”.