I siti d’informazione sono in alto, sfruttando le elezioni politiche dello scorso 4 marzo. A dirlo è l’indagine di Primaonline.it sui primi 60 siti di news per total digital audience complessiva e aggregazioni (Tal). I dati sono per l’appunto del mese di marzo, sugli ultimi di Audiweb, confrontati con quelli dell’anno scorso, nello stesso periodo.

Segnaliamo dunque crescite per i siti dei maggiori quotidiani nazionali: Corriere.it +15%, Repubblica.it +13%, LaStampa.it +12%. Le testate maggiormente schierate politicamente fanno meglio: dal +23% de Il Giornale al +37% di Il Fatto Quotidiano, fino al +123% di Libero. Exploit pure per alcuni giornali nativi digitali: Huffington Post (+43%), Il Post (+127%), Affaritaliani (+153%). Lettera 43 perde invece il 12%. Ansa.it cresce del 30%, Agi fa segnare un aumento del 135%.

Rispetto al mese precedente, troviamo Il Fatto +24%, Affaritaliani +18%, HuffPost +12%, Corriere della Sera +8%, Repubblica +5%. Rispetto a febbraio, invece, sono in calo Quotidiani.net (-13%), Il Messaggero (-19%) e Il Tempo (-35%). Nel settore economico, Il Sole 24 Ore recupera il 12% rispetto a un anno fa, rimanendo stabile rispetto a febbraio; Milano Finanza cresce del 32% su marzo 2017, ma perde il 6% rispetto a febbraio 2018.Ci sono state anche delle novità. In particolare nel Gruppo Mondadori; PianetaDonna, il sito femminile di Banzai, acquisito da Mondadori nel 2016, è scomparso da Audiweb, con i dati che sono confluiti in parte in Donna Moderna e in parte in Nostrofiglio.it, che ora è brand autonomo. Il sito del settimanale femminile di Mondadori ha perso anche il canale My Personal Trainer, confluito in Starbene; percorso inverso per Farmaco e cura che, da canale di Starbene diventa un channel di Donna Moderna. Spostamenti che spiegano il calo di Donna Moderna rispetto a un anno fa e a febbraio 2018.Da rilevare che Audiweb Database non rileva traffico mobile in-app sui social media. Ed è un pezzo importante di audience per testate come Fanpage, Repubblica, HuffPost, Corriere della Sera, Messaggero, Fatto Quotidiano e La Stampa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *