Il colosso tedesco Siemens programma il taglio di 11.600 posti di lavoro. Lo riferiscono i media tedeschi, citando Bloomberg. Siemens, che entro l’autunno del 2016 dovrà portare risparmi per oltre un miliardo di euro e che, secondo le ultime indiscrezioni, dovrebbe coinvolgere circa il 3% del numero totale dei dipendenti. La notizia choc, in parte ridimensionata nel corso della giornata di oggi, è arrivata da New York. Stando a quanto riportato dall’agenzia Bloomberg, direttamente dalle parole del presidente del colosso tedesco, Joe Kaeser. In una riunione privata con alcuni investitori internazionali, ieri, nella capitale finanziaria statunitense, Kaeser avrebbe parlato di 11600 posti di lavoro coinvolti nel piano di ristrutturazione aziendale. In dettaglio si tratterebbe di cancellare quattro settori e della riduzione delle divisioni da 16 a 9, come già annunciato all’inizio di maggio. Una riorganizzazione che secondo alcuni rappresentanti dei lavoratori potrebbe produrre la perdita di un numero di posti di lavoro tra i 5mila e i 15mila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *