Nei primi tre mesi dell’anno la domanda di nuovi mutui immobiliari è aumentata del 20% rispetto allo stesso periodo del 2013. Lo si legge nel “Rapporto immobiliare” realizzato dall’Agenzia delle entrate e dall’Associazione bancaria italiana. Nei primi tre mesi dell’anno la domanda di nuovi mutui immobiliari è aumentata del 20% rispetto allo stesso periodo del 2013. Lo si legge nel “Rapporto immobiliare” realizzato dall’Agenzia delle entrate e dall’Associazione bancaria italiana. “Sul fronte dei mutui per le abitazioni i segnali cominciano a essere positivi”, ha spiegato il direttore generale dell’Abi, Giovanni Sabatini. E’ la conseguenza della migliorata possibilità delle famiglie di comprare una casa, grazie al contemporaneo calo dei prezzi e dei tassi. Nel 2013, invece, il mercato immobiliare delle abitazioni ha continuato la sua discesa, scivolando a un nuovo minimo: sotto quota 407mila unità vendute, il 9,2% meno del 2012, e anche sotto il precedente minimo di 430mila unità, segnato dal mercato immobiliare italiano nel 1985. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *