In Europa a novembre, dopo un mese di pausa, torna il calo delmercato dell’auto : il mese scorso infatti nei 27 Paesi Ue più quelli Efta è sceso del 10,1% a 965.918 vetture, contro 1.074.591 di un anno fa. Lo comunica l’Acea, l’Associazione che riunisce i costruttori di auto presenti in Europa. Ad ottobre le nuove immatricolazioni erano scese del 4,6%. Nei primi 11 mesi del 2012 il calo del mercato europeo è stato del 7,2% a 11.690.109 unità.
Nel mese di novembre Fiat Group Automobiles ha immatricolato in Europa (27 Paesi Ue più quelli Efta) 59.152 nuovi veicoli, in calo del 12,8% rispetto alle 67.801 unità immatricolate un anno fa. Ad ottobre il calo del gruppo torinese era stato del 5,8%. Nei primi 11 mesi del 2012 Fiat Group Automobiles ha venduto in Europa 747.956 unità, in calo del 15,6% rispetto allo stesso periodo di un anno fa. La quota di mercato di Fiat Group Automobiles si è attestata al 6,1%, in lieve calo rispetto al 6,3% di un anno fa ed al 6,5% segnato ad ottobre. Nei primi 11 mesi del 2012 il gruppo torinese ha segnato una quota di mercato del 6,4%, contro il 7% registrato nello stesso periodo del 2011.
A novembre il gruppo Fiat in Europa «ha continuato ad essere pesantemente penalizzato dal risultato negativo del mercato italiano (-20,1%)». Lo sottolinea il Lingotto in una nota, precisando però che «il brand Fiat è migliorato in Germania, Regno Unito, Spagna, Belgio e Svizzera. Mentre Jeep è cresciuta in Germania, Francia, Regno Unito e Spagna». Inoltre, «Panda è ancora una volta nettamente la vettura più venduta del segmento A, con una quota di quasi il 17%», che insieme a 500 arriva al 28%. La nota mette in evidenza i risultati ottenuti dal Lingotto «nel Regno Unito, in Svezia e in Germania. Nella prima nazione i volumi sono cresciuti del 4,4% e la quota si è attestata al 2,5%, in Svezia le vendite sono salite del 76,9% (quota in crescita all’1,9%) e in Germania dello 0,5% (quota è salita al 2,6%). Il marchio Fiat a novembre ha registrato quasi 44 mila 500 mila immatricolazioni, migliorando la propria quota (+0,1 punti percentuali rispetto all’anno scorso) che si è attestata al 4,6%. Con quasi 545 mila vetture registrate nel progressivo annuo, Fiat ha una quota del 4,7%. Risultati positivi per il brand in Germania, dove il mercato cala dello 3,5% ma Fiat ha aumentato i volumi di vendita del 6,4% e la quota di 0,2 punti percentuali. Nel Regno Unito i volumi del marchio sono cresciuti del 24,6% (+11,3% il mercato) e la quota si è attestata al 2%, 0,2 punti percentuali in più rispetto al novembre 2011. In Spagna, in un mercato in forte contrazione (-20,3%), Fiat ha ottenuto un risultato in netta controtendenza crescendo del 3% nei volumi e migliorando la propria quota di 0,5 punti percentuali (da 1,7 a 2,2%).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *