Da lunedi’ primo luglio le tariffe della luce aumenteranno dell’1,4%, per un aggravio di 7 euro, e quelle del gas scenderanno dello 0,6%, per un risparmio di 7 euro: aggravio e risparmio, dunque, si compensano. Lo comunica l’Autorita’ per l’energia nell’aggiornamento trimestrale luglio-settembre.L’aumento delle bollette dell’energia elettrica, spiega l’Autorita’ nella nota, e’ il risultato di una leggera diminuzione della materia prima, controbilanciato dall’atteso incremento dei costi di dispacciamento per garantire l’equilibrio e la sicurezza del sistema. Nel complesso, il gettito necessario alla copertura degli oneri generali rimane invariato, poiche’ la crescita della componente A3 per la copertura degli incentivi alle fonti rinnovabili e assimilate (+0,47%) e’ stata compensata dalla leggera diminuzione di altre componenti. L’aumento ‘netto’ della bolletta per la famiglia tipo risulta quindi pari all’1,4% con un incremento della spesa su base annua di 7 euro. Nel dettaglio, dal 1 luglio, il prezzo di riferimento dell’energia elettrica sara’ di 19,196 centesimi di euro per kilowattora, con un aumento rispetto al trimestre precedente, di 0,260 centesimi di euro, tasse incluse. La spesa media annua sara’ quindi di circa 518 euro cos ripartiti: 276 euro (pari al 53,27% del totale della bolletta) per i costi di approvvigionamento dell’energia e commercializzazione al dettaglio; 75 euro (14,46%) per i servizi a rete (trasmissione, distribuzione e misura); 98 euro (18,98%) per gli oneri generali di sistema, fissati per legge; 69 euro (13,29%) per le imposte che comprendono l’IVA e le accise.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *