Nel mese di giugno le immatricolazioni hanno registrato una flessione del -17,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, percentuale dalla quale sono eliminati i volumi realizzati dagli scooter venduti alle Poste Italiane. Il totale è di 18.807 veicoli. L’anno scorso, sempre senza i volumi delle Poste, il trend era -28%, quest’anno gli scooter con 12.918 unità diminuiscono del -18,7%. Le moto si fermano a 5.889 pezzi, pari al -15,4%. Giugno pesa circa il 13% sul totale venduto nell’arco dei 12 mesi e nel 2013, al di là delle condizioni meteo sfavorevoli, c’è stato un giorno lavorativo in meno. I 50cc continuano la discesa con 4.045 vendite e un -42,7%.
Il primo semestre del 2013 arriva a 91.453 immatricolazioni con una flessione del -23,8%, se comparato allo stesso periodo del 2012 e senza i veicoli acquistati dalle Poste; gli scooter, sempre al netto dei mezzi appena citati, sono 57.656 e si attestano a -28,1%, le moto sono 33.797, pari a -14,9%.
Il dettaglio per cilindrata vede come segmento più importante gli scooter 300-500cc con 18.457 veicoli, un calo pari al -22,7 %; seguono i 125cc con 17.424 pezzi e una flessione del -30% (sempre escludendo gli scooter delle Poste). Flessione più contenuta per i 150-200cc, con 14.017 pezzi e un -18,8%. Dimezzati i 250cc con 2.362 veicoli, pari a -51,3%. Forte emorragia anche per i maxi-scooter con 5.392 immatricolazioni e cioè un -42,4. L’andamento dei segmenti evidenzia una punta negativa per le sportive con 2.872 vendite e -25,8%, perdono anche le supermotard con 2.461 unità e un -22,3% e le naked con 9.506 pezzi pari al -18,9% Più contenuta la flessione delle enduro con 11.054 pezzi e -7,2%, delle custom con 3.815 immatricolazioni e un -9,6%; infine le moto da turismo con 3.373 unità e -13,2%.
Il dato progressivo per i ciclomotori (50cc) ammonta a 16.612 registrazioni pari al -38,6 per cento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *