Si chiameranno EuSef, European Social entepreneurship funds, gli strumenti finanziari che l’Unione europea vuole promuovere con il regolamento approvato in questi giorni dalla Commissione. L’obiettivo è favorire le imprese sociali, una realtà sempre più importante per la quale gliL’impresa sociale, secondo la definizione dell’Unione europea, nasce con un obiettivo principale che non è generare utili per i soci, ma avere un impatto positivo sulla società, l’ambiente e la comunità locale. Gli utili sono destinati principalmente alla realizzazione di obiettivi sociali, e la gestione è responsabile, trasparente, innovativa, e punta a coinvolgere gli “stakeholder”, a cominciare da dipendenti e clienti. Queste realtà attirano sempre più gli interesse di investitori, anch’essi interessati sempre più alla dimensione etica, e non finanziaria, delle loro scelte. Nell’Unione europea sta nascendo un mercato di fondi di investimento dedicati all’imprenditoria sociale, e il rischio era che ogni paese si muovesse per conto proprio, disperdendo energie e competenze. Tra i requisiti per essere considerati EuSef, i fondi dovranno per esempio dimostrare che una quota elevata, almeno il 70%, del loro portafoglio è investita in imprese sociali: e questo sarà un modo anche per garantire ai risparmiatori informazioni certe sulle caratteristiche del loro investimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *