Circa 200 anni fa, un commerciante di antichità a Londra iniziò a importare conchiglie dall’Estremo Oriente per creare la moda delle decorazioni esotiche. L’impresa di Marcus Samuel pose le fondamenta di un fiorente commercio di import-export in seguito gestito dai suoi figli,  Marcus Junior e Sam. A quel tempo, il petrolio era ampiamente utilizzato per l’illuminazione e i lubrificanti e l’industria aveva sede a Baku, Russia, con i più vasti giacimenti di petrolio di alta qualità e un porto naturale strategico. Tornandoperò  all’attualità della vicenda descritta nel nostro titolo, dopo una breve storia sulla nascita di Shell, , ricordiamo che Q8 ha battuto la concorrenza di Tamoil  ed Agip Ip. Le due società ( Q8 e Shell )  non sono scese nei dettagli dell’accordo, limitandosi a render noto che “Shell e Kuwait petroleum international annunciano che le rispettive affiliate hanno raggiunto un accordo per la cessione delle partecipazioni nelle società attive nei business Shell rete, aviazione, supply e distribuzione in Italia” aggiungendo che sulla base dell’accordo “il marchio Q8 sostituirà quello Shell sulla rete carburanti in Italia” e che la vendita è soggetta all’approvazione dell’antirtust e si prevede possa essere completata entro il 2014. Secondo indiscrezioni non confermate, la società anglo olandese si aspettava un incasso di circa 300 milioni di euro dalla cessione degli asset italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *