Aumentano lievemente le esportazioni globali di kiwi: nel 2012, in tutto il mondo sono state esportate 1,27 milioni di tonnellate di kiwi, il +2% rispetto al 2011. Italia, Cile e Nuova Zelanda rimangono i principali attori del comparto: nel 2012 le loro esportazioni ammontavano a circa 901.000 tonnellate, cioè il 71% del volume totale esportato nel mondo. Questi tre paesi contano insieme su circa 53.000 ettari coltivati a kiwi. Ma analizzando i dati raccolti durante le ultime quattro stagioni del kiwi, emerge come l’Europa abbia registrato un calo nel suo ruolo di mercato di destinazione per il kiwi italiano, neozelandese e cileno. Nel caso delle spedizioni di kiwi italiani nel vecchio continente, queste sono passate dalle 310.000 tonnellate del 2009 alle 241.000 del 2012. Per quanto riguarda le esportazioni dalla Nuova Zelanda verso l’Europa (che è il secondo mercato dopo l’Asia), anche qui si registra una diminuzione: da 65.000 tonnellate nel 2009 a 50.000 tonnellate nel 2012. Nel 2009, il Cile ha spedito 104.000 tonnellate di kiwi verso l’Europa, ma solo 88.000 tonnellate nel 2012. Parte dei volumi di kiwi cileni stati assorbiti da altri mercati, principalmente America Latina, Asia e Nord America.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *