La tassazione abnorme che grava sui carburanti per autotrazione e la crisi dell’economia hanno determinato un effetto fortemente negativo per le casse dello Stato. Nel primo semestre del 2013 il gettito fiscale derivante dalle vendite di benzina e gasolio auto è sceso a 17,349 miliardi dai 18,012 miliardi del primo semestre 2012. La stima è del centro studi Promotor ed è stata condotta sulla banca dati dello stesso centro studi sui consumi, i prezzi, la tassazione e la spesa per i carburanti auto.
“Il calo – spiega una nota – è di 662 milioni ed è imputabile in larga misura all’effetto Laffer, cioè ad una tassazione specifica troppo elevata che ha fortemente penalizzato i consumi. L’effetto Laffer sui carburanti si era già verificato in dicembre 2012, ma si è pienamente manifestato nel 2013 ed è ipotizzabile che a fine anno il calo di gettito che ne deriverà sia largamente superiore al miliardo di euro”.
Nel primo semestre 2013 i consumi complessivi dei due carburanti sono calati del 5,2%, mentre la spesa del pubblico alla pompa è scesa dai 33,478 miliardi del gennaio-giugno 2012 ai 31,095 miliardi nel gennaio-giugno scorso con una contrazione del 7,1% cioè di 2,383 miliardi. Il calo della spesa è andato, come si è detto, a danno dell’Erario, ma anche, e soprattutto, a danno della componente industriale, cioè della quota della spesa alla pompa che va all’industria  petrolifera e ai distributori, quota che è scesa di ben 1,7 miliardi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *