Ogni anno 100 mila italiani decidono di cambiare residenza e di trasferirsi all’estero: destinazione Europa, nella maggior parte dei casi la scelta ricade sulla Germania e sulla Svizzera, e America. E il fenomeno è in costante crescita. Secondo i dati Istat, infatti, ad oggi sono circa 4 milioni gli italiani che per lavoro o per scelte personali hanno deciso di lasciare il Belpaese. C’è chi lo fa per seguire la famiglia, chi per reinventarsi un lavoro cercando di realizzare un sogno nel cassetto e chi, invece, per cercare nuove avventure e opportunità che in Italia altrimenti non avrebbe. E allora cambia anche l’immagine dell’emigrante. Chi decide di partire,infatti, dice addio al mito della valigia di cartone. Oggi, a partire con un biglietto di sola andata, non sono solo i disoccupati ma anche tanti giovani promettenti e ambiziosi, spesso laureati e in cerca di stimoli e meritocrazia. Negli ultimi dieci anni, infatti, la percentuale di laureati che sceglie di cercare lavoro all’estero è praticamente raddoppiata passando dall’8% al 16% e la maggior parte proviene soprattutto dalle regioni del Nord e del Centro Italia. Tutti alla ricerca di un’opportunità, lasciandosi alle spalle un Paese in forte sofferenza, economica e morale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *