Il Fondo monetario internazionale ha ritoccato le previsioni di crescita per l’Italia, passando dal -1,5% al -1,8% per il 2013 e dal +0,5% al +0,7% per il 2014. “La ripresa è attesa a fine anno, sostenuta dall’export e da una modesto miglioramento degli investimenti – si legge nell’Article IV sull’Italia -. Il livello di disoccupazione giovanile è inaccettabile. La priorità – raccomanda l’Fmi – deve essere data ad aumentare la bassa occupazione, soprattutto di giovani e donne

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *