• Export ortofrutta: Negli ultimi 4 anni abbiamo esportato sempre più di 4 miliardi di € di ortofrutta (4,37 nel 2014) sviluppati su circa 4 miliardi di tonnellate di prodotto
  • Distribuzione Export: a valore l’export di ortofrutta è coì suddiviso: Frutta fresca 58%, Legumi e ortaggi 26%, Frutta secca 10%, Agrumi 4% e Frutta tropicale 2%.
  • Trend: Rispetto al 2011, il 2014 ha registrato aumenti a valore (+7%) mentre a valore una perdita del -4%. Le perdite sono totalmente imputabili al comparto frutta e non a quella di verdura e legumi. Per i primi 6 mesi del 2015 invece, si è registrata una variazione del +6% a volume e +10,4% a valore, con la frutta estiva in grande crescita a volume, mentre verdure, legumi e frutta secca con buone performance a valore.
  • Dove si cresce e dove si perde: l’Italia sta crescendo tanto nel Extra-UE che vale ad oggi il 19% del totale. Dal 2011 al 2014 il canale è cresciuto del +28% a volume e +34% a valore. Discorso opposto per l’export direzionato all’interno dell’UE che ha registrato un calo del -9% a volume e una lieve crescita del +2% a valore.
    • Netto distacco: la Spagna esporta più del triplo a volume dell’Italia. Inoltre, nel 2014 ha esportato 12,14 miliardi di € contro i 4,37 dell’Italia, 3,59 della Francia e 0,99 della Grecia.
    • L’allungo: la Spagna cresce a doppia cifra rispetto al 2011, +22% a valore e +17% a volume
    • Gli ultimi del gruppo: Francia e Italia registrano invece le crescite minori a valore. Inoltre sono le uniche a decrescere a volume
    • Canali Extra: L’Italia cresce più di tutti nel canale Extra-UE, seguita dalla Spagna
    • Canali Interni: Discorso opposto sul canale Intra-UE dove l’Italia è il paese che registra i peggiori andamenti a volume con -9%; segue la Francia com -4%. In attivo Grecia (14%) e Spagna (17%).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *