Le entrate tributarie registrate nel primo semestre del 2013 ammontano a 197.029 milioni di euro (+5.898 milioni di euro pari al +3,1%) rispetto allo stesso periodo del 2012. Lo comunica il ministero dell’Economia, che aggiunge: “Quelle derivanti dall’attività di accertamento e controllo risultano pari a 3.655 milioni di euro (+329 milioni di euro pari al +9,9%)”. “Ciò conferma – specificano dal Dicastero – l’efficacia della lotta all’evasione”.

Per quanto riguarda le imposte dirette, spiega il ministero, queste registrano un aumento complessivo dell’8,7% (+8.804 milioni) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.  Per quanto riguarda le indirette si registra invece una diminuzione del 3,2% (-2.906 milioni di euro). In flessione il gettito da tabacchi, in parte per e-cig – Secondo i dati diffusi dal ministero, nei primi sei mesi dell’anno, il gettito dell’imposta sul consumo dei tabacchi è in flessione del 6,5% (-350 milioni di euro. Il calo sarebbe, almeno in parte, legato alla diminuzione dei consumi, determinato dalla diffusione delle sigarette elettroniche.
Cala il gettito Iva – Da gennaio a giugno è calato anche il gettito Iva, la “cartina di tornasole” dell’economia: nei primi 6 mesi risulta infatti in calo del 5,7% (-2.866 milioni di euro). E riflette la riduzione del gettito derivante dalla componente relativa agli scambi interni (-2,3%) e del prelievo sulle importazioni (-22,3%). Ma si segnala un rallentamento della dinamica negativa del gettito Iva sugli scambi interni che a giugno è cresciuto, su base mensile, del 4,5%, facendo registrare, per la prima volta da dicembre 2012, una inversione di tendenza.