L’acquisto per 103,75 milioni dell’azienda fondata a Caltanissetta più di 150 anni e guidata per cinque generazioni dalla famiglia Averna, consente a Campari di allargare l’offerta per il dopo-pasto, finora limitata a Cynar. In portafoglio, infatti, oltre all’omonimo amaro, numero due del mercato italiano, c’è Braulio, prodotto a Bormio (Sondrio) e diffuso nell’Italia del Nord. Il carrello di Campari si arricchisce poi con Limoncetta, prodotta a Sorrento con limoni Igp e con la Grappa Frattina di Pordenone, che vedono il gruppo esordire nelle due tipologie di bevande alcoliche. Nel 2013 il Gruppo Averna ha realizzato vendite nette totali per 61,8 milioni di euro (+3,1% sul 2012), rispetto a un totale di 1,5 miliardi fatturati da Campari. Il 40% circa delle vendite è rappresentato da Averna e l’11% da Braulio e Limoncetta. La quota restante è rappresentata da un portafoglio di marchi nel settore dei superalcolici, tra cui Grappa Frattina. L’Italia rappresenta circa il 65% del fatturato totale dell’azienda siciliana mentre il 35% delle vendite internazionali è realizzato prevalentemente in Germania e Austria. La chiusura dell’operazione è prevista per il prossimo 3 giugno. Averna è stata valutata 103,75 milioni, ossia 9,2 volte il margine operativo lordo del 2013. Il prezzo fissato è di 98 milioni, mentre il restante importo rappresenta l’indebitamento finanziario di Averna. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *