Nel triennio 2010-2012 Telecom Italia ha registrato una crescita del fatturato del 7,1% mentre il margine operativo lordo è passato da 11412 a 11645 milioni di euro (+2%), in presenza di una flessione dei margini di circa due punti percentuali; il risultato operativo è passato da 5813 a 1873 milioni di Euro (-67,8%) a causa delle svalutazioni straordinarie (impairment avviamento) mentre il risultato netto è passato da un utile di 3572 milioni ad una perdita di 1277 milioni di Euro. Gli indicatori di redditività mostrano una diminuzione sia per il ROI (-5,2 punti al 3,6%) che per il ROE, passato in negativo con una perdita di oltre 16 punti. Dal punto di vista patrimoniale l’indebitamento finanziario netto è sceso di circa 3 miliardi a quota 29 miliardi di Euro ma il rapporto debt to equity è cresciuto passando da 0,98 a 1,26. x..  Nel raffronto coi principali operatori europei di telecomunicazioni Telecom Italia risulta la più interessante sulla base del rapporto Price/Book Value (Prezzo/Valore Contabile) mentre il multiplo Price/Earnings (Prezzo/Utili) non èOpportunità             Buon contributo dalle controllate sudamericane (Brasile e Argentina) che beneficiano di mercati ancora in crescita, possibili operazioni straordinarie come scorporo della rete che potrebbero valorizzare meglio gli asset della società. .. Rischi   Andamento negativo del mercato italiano da cui deriva ancora la maggioranza dei ricavi. significativo; per quanto riguarda il rendimento da dividendi, inferiore al 4%, è il più basso tra le aziende incluse nel campione. x.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *