”E’ positivo che il Governo abbia oggi confermato le linee di indirizzo del precedente esecutivo per la cessione del 40 per cento del capitale di Poste Italiane, destinando una quota di azioni ai dipendenti, ma mantenendo la maggioranza delle azioni in mano pubblica, a garanzia della strategicita’ dell’azienda postale”. Lo sottolinea il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni. ”Per la Cisl e’ fondamentale che il Governo ceda ora gratuitamente ai lavoratori una quota consistente di azioni in forma collettiva. Questa e’ una battaglia che la Cisl persegue da anni e che ora finalmente, grazie alla nostra insistenza, diventera’ realta’. Le Poste sono l’azienda piu’ adatta per sperimentare in Italia forme di democrazia economica ed una governance fondata sulla partecipazione dei lavoratori al capitale per l’indirizzo ed il controllo delle scelte del management. Questa e’ la strada migliore – conclude Bonanni – per favorire la coesione sociale e per uno sviluppo economico fondato sulla corresponsabilizzazione nelle scelte aziendali, cosi’ come avviene in altri paesi come la Germania e recentemente anche in Francia che stanno praticando la democrazia economica e la partecipazione con risultati positivi per i lavoratori e per le aziende”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *