Berlusconi vende Mediaset. Non tutta la società ma una bella fetta del capitale del gruppo televisivo, il 7,79%, viene messa sul mercato e ceduta in poche ore a investitori istituzionali italiani ed esteri. E’ un accelerated bookbuilding la procedura scelta da Fininvest per collocare i 92 milioni di azioni a un prezzo finale di 4,1 euro l’una con un incasso complessivo di 377,2 milioni. Prima dell’avvio dell’operazione e dell’annuncio, Mediaset ha chiuso la seduta a Piazza Affari a 4,26 euro (in rialzo dell’1,48 per cento) sui massimi da un anno. Quindi il prezzo finale dell’operazione curata da Merrill Lynch e Unicredit è stato fissato poco sotto quel livello, segno che i titoli sono andati a ruba. Fininvest passa così dall’attuale 41,28 al 33,4% del gruppo di Cologno Monzese. Manterrà quindi il potere di condizionare le assemblee straordinarie. Per dirla con le parole della società ”potrà continuare ad assicurare a Mediaset la stabilità di un azionariato di riferimento”. Nessun disimpegno quindi, a dispetto delle ricorrenti voci di vendita del gruppo. Ma un bell’ alleggerimento sì. L’obiettivo della dismissione lo spiega in una nota la holding che fa capo al Cavaliere: ”La liquidità che si renderà disponibile con questa operazione consentirà tra l’altro a Fininvest di proseguire nel rafforzamento della struttura finanziaria e patrimoniale della società e di agevolare eventuali investimenti in un’ottica di diversificazione del portafoglio azionario”.  Oltre alle partecipazioni storiche in Mondadori (50%), Mediolanum (30%), Milan e Teatro Manzoni (entrambi controllati al 100%) la società di via Paleocapa è presente con poco meno del 24% di Molmed e col 2% in Mediobanca. Ora par di capire che, accanto a nuove cessioni (in ballo c’è la vendita del 20% di Mediolanum imposta da Bankitalia), la società guidata da Marina Berlusconi potrebbe anche pensare a fare shopping. Al momento tuttavia non avrebbe dossier aperti. Il bookbuilding fa il paio con un analoga operazione realizzata a dicembre 2013 di una quota di Mediolanum

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *