Scatterà da sabato un nuovo aumento dell’accisa sulla benzina, da 728,40 euro per mille litri a 730,80 con un aumento di 0,24 centesimi al litro, e di quella sul gasolio, da 617,40 a 619,80 per mille litri (+0,24) con l’aumento di 0,34 centesimi. L’aggravio era stato previsto ad agosto dello scorso anno come copertura finanziaria per diverse voci del decreto ‘Fare’, tra cui la nuova legge Sabatini, e resterà vigore fino al 31 dicembre 2014. Secondo un’analisi della Cgia di Mestre, il nuovo aumento sulle accise peserà per 13 euro annui su una famiglia italiana con un’auto a benzina che percorre mediamente 15.000 Km, mentre per una vettura a gasolio l’aumento sarà di 17 euro. Il centro studi sottolinea che dal 2010 le accise sono aumentate dieci volte, contro le due dell’Iva, portando una famiglia con un’auto a benzina quest’anno a sborsare 257 euro in più rispetto a quattro anni fa. Nel caso di automobile diesel, invece, l’incremento rispetto al 2010 sarà quantificabile in 388 euro.