Grazie a questo accordo Banca Monte dei Paschi di Siena, che da sempre  sostiene il  Made in Italy, mette a disposizione delle aziende certificate un plafond commerciale di 100 milioni di euro dedicato a coprire tutte le necessità finanziarie derivanti dalla gestione aziendale. L’offerta è completa di finanziamenti a medio lungo termine a condizioni dedicate, finanziamenti a breve termine per fronteggiare momentanee esigenze di liquidità, strumenti e servizi per l’internazionalizzazione dell’azienda, conti correnti, polizze assicurative calibrate sulle necessità delle singole aziende ed una serie di servizi dedicati ai dipendenti delle aziende affiliate, tutti a condizioni particolari.

La “Certificazione volontaria di conformità d’Origine e Tipicità italiana”, portata avanti dall’Associazione Nazionale Conflavoro PMI, ha lo scopo di garantire l’italianità di tutto il processo produttivo a partire dalle materie prime e semi lavorati. Una garanzia importante per i consumatori, che acquistando prodotti italiani a Marchio Unico Nazionale, potranno avere la certezza della provenienza e dalla maestria italiana.

Soddisfatto il Presidente Nazionale di Conflavoro PMI Roberto Capobianco che sottolinea l’importanza che ricopre l’accordo a sostegno delle imprese che hanno l’intera filiera produttiva in Italia e  realizzano  il vero Made in Italy: «Questa sinergia tra impresa e finanza rappresenta un passo importante per la tutela e la valorizzazione del vero Made in Italy. Dare credito ad aziende che hanno un’intera filiera produttiva in Italia significa raddoppiare la ricaduta economica e occupazionale sul territorio. Siamo sicuri che puntare sempre di più su eccellenza e qualità sia l’unica ricetta per il rilancio della nostra economia».

«Presentarsi sul mercato con un gamma completa di finanziamenti costituisce un chiaro segnale di fiducia e sostegno nei confronti delle imprese – commenta Maurizio Pecora, responsabile Servizio Pricing e Convenzioni di Banca Monte dei Paschi – La partnership con Conflavoro PMI è l’occasione per ricreare le condizioni per attrarre nuovi investimenti e ridare valore alle produzioni locali. L’accordo è teso a riaffermare l’attenzione di Banca Mps verso l’imprenditoria Made in Italy, e rappresenta un impegno attivo nei confronti delle singole realtà imprenditoriali, che si concretizza nella messa a disposizione di un plafond di 100 milioni di euro per le imprese che operano stabilmente sul territorio nazionale, oltre che di quelle realtà che intendono tornare a produrre in Italia attraverso un processo di reshoring, favorendo al contempo le esportazioni. Le imprese interessate, saranno supportate attraverso soluzioni di finanziamento dedicate che rispondono alle peculiarità e alle esigenze di ciascuna azienda e filiera certificata Marchio Unico Nazionale».

Parere estremamente positivo viene anche da Andrea Meucci, Presidente per l’Umbria della  Conflavoro PMI e membro del Consiglio Direttivo Nazionale, il quale afferma : ” il risultato della convenzione porterà indubbi vantaggi anche alle piccole e medie imprese della nostra regione ”

 

Didascalia foto : da sin. Maurizio Pecora, responsabile Servizio Pricing e Convenzioni di Banca Monte dei Paschi di Siena; Eugenio Giani, Presidente del Consiglio Regionale della Toscana; Roberto Capobianco Presidente Nazionale di Conflavoro PMI