Apple avrebbe ingiustamente goduto di sgravi fiscali in Irlanda, Paese in cui ha una sede operativa centrale per il business europeo. 
Per questi e altri motivi, a giugno, la Commissione Europa ha aperto un’inchiesta sulle pratiche fiscali di Apple e altre note compagnie come Starbucks, Fiat e Google in vari stati del Vecchio Continente. Stando ai dati raccolti, la società di Cupertino pagherebbe meno del 2% di tasse e completerebbe la differenza con accordi “sottobanco” presi con lo stato irlandese. A perderci però, sono ovviamente anche tutte le filiali europee che per ragioni legislative si ricollegano a quella irlandese, Italia compresa.Infine, un report ufficiale vede in questi anni poco più di 137 miliardi di dollari cash totalizzati da Apple e destinati ai paradisi fiscali.
Rimangono invece i dubbi sui reali vantaggi accumulati dall’Irlanda in tutta questa vicenda. Praticamente certa, invece, la multa miliardaria che la Commissione europea sta preparando per la compagnia della mela morsicata…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *