L’Umbria sarà presente con 18 aziende a Cibus 2014, il Salone Internazionale dell’Alimentazione che, dal 5 all’8 maggio, riunisce a Parma il meglio del “Made in Italy” agroalimentare. Una importante vetrina per proporre e promuovere le ricchezze gastronomiche regionali. Oltre 60mila visitatori provenienti da tutto il mondo, mille buyers e altrettanti giornalisti specializzati si ritrovano ogni due anni a Parma per l’appuntamento, che è diventato di riferimento per la grande distribuzione organizzata del settore alimentare. La novità di questa 17° edizione è l’evoluzione in una fiera multicanale, aperta non solo alla distribuzione, ma anche alla produzione alimentare. Complice l’imminente evento internazionale dell’Expo 2015 che, insieme alle incalzanti necessità del mercato, ha indotto il rinnovamento del tradizionale appuntamento, trasformato in un evento aperto a tutta la filiera alimentare. L’export del “food made in Italy” diventa l’obiettivo da centrare, senza dimenticare il rinnovamento del mercato interno. I dati di Federalimentare riferiscono che l’export italiano è cresciuto nel 2013 sia nei paesi storici di sbocco come Europa e Stati Uniti, che nei nuovi mercati, registrando un totale positivo di oltre il 7%. E l’export non dovrà essere esclusiva delle grandi aziende alimentari: Cibus 2014 punta a coinvolgere anche le medie e piccole imprese. In questo contesto si inquadra la nuova area “Italian Region B2B”, dove le PMI delle regioni, che producono i sapori tipici italiani, potranno valorizzare le loro produzioni agli occhi degli importatori esteri alla ricerca di specialità di “fine food”. Per l’Umbria, una pista di lancio per raccontare storia, carattere e filiera di un settore che descrive a 360 gradi la ricchezza naturale, culturale e artigianale del territorio, in cui le medie e piccole imprese rappresentano il nucleo pulsante del tessuto imprenditoriale. E un’ottima occasione in vista del prossimo grande appuntamento dell’Expo, dove l’industria agroalimentare italiana si racconterà in due padiglioni di 2.600 mq. A Parma i prodotti regionali  saranno in mostra nell’elegante stand di Unioncamere Umbria, un grande  spazio espositivo allestito nel cuore della rassegna fieristica. Presenti le migliori specialità dell’Umbria: olio, lenticchie, zafferano, tartufi, salumi, prosciutti, salse, pasta fresca, conserve e liquori tipici.

Il “cuore verde d’Italia” porta a Cibus aziende da Pietralunga, Castiglione del Lago, Torgiano, Valfabbrica. Assisi, Spello e Foligno, Trevi, Campello sul Clitunno, Norcia, Spoleto, San Gemini e Terni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *